domenica 18 settembre 2016

#18App - Istruzioni all'uso: cosa fare per essere un esercente e cosa fare per utilizzare il bonus -

Istruzioni all'uso: cosa fare per essere un esercente e cosa fare per utilizzare il bonus


Il nuovo sito prevede due possibili utlizzi: quello per gli esercenti e quello per i18enni. Vediamo cosa bisogna fare per essere un esercente "certificato" e quindi poter ricevere le richieste da parte degli utilizzatori del Bonus.

La burocrazia per gli esercenti
  • tutti gli esercenti interessati a registrarsi dovranno essere in possesso delle credenziali Entratel o Fisconline, rilasciate dall’Agenzia delle Entrate per l’accesso ai propri servizi telematici. Se non si hanno le credenziali personali, è possibile richiederle attraverso il portale dell’Agenzia delle Entrate (di solito ci vogliono 10/15 gg) oppure andando presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate della propria  città e si ottengono immediatamente. Vanno richieste le credenziali del legale rappresentante, attraverso le quali si ottengono quelle dell’azienda.
  • La registrazione nel portale è semplice e prevede che vengano inseriti i dati fiscali dell’azienda; va indicato se l’azienda è « fisica », on line o mista e l’elenco delle varie sedi di vendita, che compariranno nella App, in modo che i ragazzi sappiano dove possono andare per i loro acquisti.
  • Fatturazione dovrà essere solo Elettronica, ma può essere emessa quando si preferisce: al raggiungimento di una certa somma, una volta al mese, ecc. In fattura verranno indicati una serie di dati, tra cui il tipo di prodotto (ad esempio « libro ») con il relativo codice del voucher. Ogni riga della fattura riporterà prodotto (per esempio libro, senza specificarne il titolo) e codice del voucher.
  • Il pagamento dovrebbe avvenire secondo le norme: al massimo entro 30gg,

Gli aspetti tecnici

Gli esercenti possono essere di due tipi: esercizio fisico oppure online (in fase di registrazione possibile indicare l’utilizzo anche di entrambe le tipologie). In caso di vendita online, l’esercente dovrà prima dotarsi di un certificato da applicare al web-service, richiamabile dai propri sistemi per la verifica e validazionedei buoni di spesa.

In particolare dovrà:
  • richiedere il certificato in fase di registazione;
  • scaricare il certificato nei propri sistemi;
  • verificare l’istallazione del certificato tramite specifica chiamata del web-service;
Si precisa, inoltre, che per gli esercenti che utilizzeranno il web-services per la validazione dei buoni sono previsti i seguenti stati di lavorazione legati alle attività di configurazione dei propri sistemi in cui dovrà essere installato il certificato:
  • da attivare: certificato da scaricare dall’ applicazione 18app
  • attivabile:certificato scaricato, ma non istallato
  • attivo:certificato istallato

Per le istruzioni puntuali questo è il link



La burocrazia per gli utlizzatori

Il primo passo è avere lo SPID poi utlizzare il sito, anche se in un primo momento sembrava avrebbero rilsciato una vera e propria app per mobile. Invece non sarà cosi, infatti è lo stesso governo che fuga tutti questi dubbi sul suo sito (governo) viene detto questo: 
"Il sito è una webapp customizzata per mobile, quindi non scaricabile dagli store."

Quindi il/la 18enne crea un voucher per la spesa da compiere. Il voucher si presenta come un codice a barre, un codice QR o un Pdf. Attraverso il portale 18app l’esercente inserisce il codice (o legge se codice a barre o CQR) che contiene i dati dell’acquisto e che verrà riportato nella fattura elettronica.


Quali prodotti posso comprare con 18app?
Posta un commento